Pronte per Expo le tangenziali di Como e Varese

(Foto Regione Lombardia)

Non ci saranno ritardi per le opere di realizzazione della Pedemontana, ed in particolare per le due tangenziali di Como e Varese. I lavori per consentire l’accessibilità ad Expo 2015 proseguono senza particolari intoppi.

“Abbiamo analizzato tutte le opere connesse a Expo e di accessibilità e lo stato di avanzamento di ognuna di esse, che varia da opera a opera e, salvo un paio di criticità, c’è la certezza che tutte saranno concluse in tempo per l’Esposizione. Per cui abbiamo buone notizie sulle opere connesse e di accessibilità a Expo”. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, nel corso della conferenza stampa seguita alla riunione operativa su Expo 2015, nella sede di via Rovello.

“L’opera che ha lo stato di avanzamento più alto, 95 per cento, è la tratta A della Pedemontana, con le due tangenziali di Varese e Como, che sarà aperta al traffico – ha detto il presidente di Regione Lombardia – entro gennaio 2015 senza esazione. Per tutte le altre opere, salvo appunto un paio di criticità che sono state discusse ed esposte al ministro Martina e quindi al Governo, siamo assolutamente in linea e consapevoli che non ci sono ritardi che ci impediscano di pensare che saranno messe in esercizio in tempo per l’Expo 2015”.

“I 60 milioni di quota della Provincia per Expo entro novembre? L’impegno dal Governo è stato preso, siamo in fiduciosa attesa da mesi e adesso speriamo che questi soldi arrivino per davvero”, ha aggiunto Maroni, al termine della conferenza stampa. “Il 12 novembre l’incontro al Quirinale su Expo? C’è un interesse verso Expo – ha proseguito – da parte del capo dello Stato, che, ricordo, era già venuto lo scorso anno a Monza per un grande evento organizzato dalla Regione Lombardia e questo nuovo incontro del 12 novembre conferma l’importanza che rappresenta questo evento”.

Com./Red.