Arriva in Ticino BNI, l’organizzazione che facilita il networking

Gli affari si fanno a colazione (foto BNI Schweiz)

Per le piccole e medie imprese poter contare su di una rete di conoscenze per farsi conoscere e trovare clienti è molto importante. Ma il passaparola spontaneo non è sempre molto affidabile. Con l’organizzazione Business Network International (BNI) lo scambio di raccomandazioni viene “professionalizzato”.

Gli imprenditori membri di un gruppo locale di BNI (chiamato “capitolo”) si impegnano a far conoscere attivamente gli altri membri ai potenziali clienti. Questo scambio di referenze avviene fisicamente. I membri di un “capitolo” si incontrano a colazione una volta alla settimana per fare il bilancio del lavoro fatto e anche per discutere l’esito delle raccomandazioni. Ogni “capitolo” conta dai 20 ai 50 membri, appartenenti ai più svariati rami commerciali. Per evitare conflitti, per ogni categoria professionale è ammesso un solo membro.

BNI è stata fondata nel 1985 negli Stati Uniti dal guru del networking Ivan Misner, e in 25 anni si è imposta nel panorama del networking mondiale con oltre 135.000 membri e 5.900 capitoli in più di 40 paesi in tutto il mondo. In Svizzera è presente da 5 anni con 50 “capitoli”. L’appartenenza ad un gruppo permette di accedere alle informazioni di tutte le altre sezioni. In questo modo è possibile trovare rapidamente i contatti giusti in tutta la Svizzera e anche all’estero. Anche un piccolo imprenditore si trova così ad avere a disposizione un “team di vendita” efficace, che lavora sulla base del principio dello scambio dei contatti, da cui i membri del network ottengono un reciproco beneficio.

Per aumentare le competenze professionali, sopratutto nel campo del marketing, vengono organizzati workshop e corsi di formazione. Per appartenere ad un “capitolo” bisogna pagare una quota annua di Fr. 1170.-, che serve per coprire i costi della formazione, del sito internet e del materiale informativo. Secondo la presidente del neo-fondato “capitolo” di Lugano di BNI Jaqueline Heule, che ha conosciuto BNI durante tre anni di appartenenza alla sezione di Zugo, si tratta di soldi ben spesi: “Con un piccolo investimento si ha accesso a un network di contatti utile che offre anche buone garanzie di qualità”.

M. A.

www.bnischweiz.ch