Si alza il sipario sul LAC, il nuovo centro culturale di Lugano

LAC, il nuovo centro culturale di Lugano (foto www.luganolac.ch)

Il LAC – Lugano, arte e cultura – ha aperto oggi ufficialmente le porte con un un simbolico taglio del nastro che ha dato il via ai festeggiamenti per l’inagurazione. Durante questo primo fine settimana famiglie, cittadini e il grande pubblico saranno trasportati in un universo di magia, poesia, arte e musica dentro e fuori il centro culturale. La musica accompagnerà i visitatori in piazza e si diffonderà nei suoi spazi, fino alla Chiesa degli Angioli, nel corso dell’intera giornata.

Numerose le proposte, coordinate da LuganoMusica e dall’Orchestra della Svizzera italiana; gli ensembe invitati sono: Quartetto Energie Nove, OSI Brass, Trio clarinetto, Coro Clairière, l’ensemble di percussioni e di flauti del Conservatorio della Svizzera Italiana, la Scuola di Musica Moderna e gli ensemble di musica sacra e di musica profana della Civica Filarmonica. Accanto alla musica, le prime performance di teatro e danza: Progetto Brockenhaus e la Scuola Dimitri, con momenti performativi creati appositamente per questo grande evento.

Il mondo della favola caratterizzerà l’anfiteatro situato tra la hall e il parco, aperto tutto il giorno per i bambini e non solo, sarà animato dagli artisti e attori del Ticino in veste di personaggi delle favole più famose.

Inaugurazione anche per le mostre del costituendo Museo d’Arte della Svizzera italiana, che saranno visitabili durante tutto il periodo dell’inaugurazione e resteranno allestite fi no ad inizio 2016: “Orizzonte Nord-Sud. Protagonisti dell’arte europea ai due versanti delle Alpi 1840-1960” e la mostra personale di Anthony McCall, “Solid Light Works”. L’offerta espositiva si completerà con la mostra “In Ticino. Presenze d’arte nella Svizzera italiana 1840-1960” a Palazzo Reali e con la personale di Giulio Paolini allo Spazio -1 Collezione Giancarlo e Danna Olgiati.

Alle ore 15:00 i visitatori avranno la possibilità di scoprire, all’interno del Teatro, la grandezza e il pregio della tela di Salvador Dalí, fondale dipinto dall’artista nel 1940 per le scenografi e del balletto Tristan fou, versione surrealista del Tristano e Isotta di Wagner, oggi recuperato come sipario de “La Verità” della Compagnia Finzi Pasca.

Il momento istituzionale è previsto in Piazza alle ore 17:00 con i discorsi ufficiali delle autorità.

A seguire, alle ore 19:30, lo spettacolo “La Verità” della Compagnia Finzi Pasca, per l’occasione impreziosita da alcune sorprese dedicate a Lugano, aprirà per la prima volta il sipario del Teatro. Un sipario, questa volta d’acqua, si staglierà in seguito alle ore 22:15 in piazza Bernardino Luini per un grande spettacolo all’aperto prodotto da LuganoInScena e dalla compagnia Mymoon. “Memorie dell’acqua” , che trasporterà gli spettatori in una dimensione onirica sospesa tra terra, cielo e lago; in un racconto per immagini, fatto di danzatori volanti, sfere luminose sospese sulle acque di fronte al LAC, trampolieri e grandi dame in crinoline luminose che danzeranno intorno al pubblico.

Il programma della seconda giornata proseguirà all’insegna del mondo delle favole. I più piccoli avranno l’opportunità di partecipare al laboratorio artistico “Le barchette sul LAC” con l’artista Silvia Paradela (ore 14:00). Performance teatrali animeranno i vari spazi del centro culturale: “Imbuteatro”, narrazione orale per un solo spettatore di Cinzia Morandi in collaborazione con Teatro PAN e le repliche della rilettura da I Promessisposi, “Il sugo della storia”.

Alle ore 14:30 è previsto il secondo appuntamento con “La Verità”, preceduto dalla visita alla tela alle ore 11:30, mentre alle ore 17:00 la performance in piazza del gruppo musicale Swing Power chiuderà il programma del primo fine settimana di festeggiamenti.

Da martedì 15 a venerdì 18 settembre

I giorni che precedono il secondo fine settimana coinvolgeranno le scuole e introdurranno nuove attività. Insieme alle repliche serali de “La Verità” (ore 20:30), debutterà la prima produzione teatrale di LuganoInScena creata per l’inaugurazione: “Attraverso lo specchio” (tutti i giorni alle ore 10:30 e 11:30). Uno spettacolo scritto e diretto da Marcello Chiarenza, in collaborazione con Teatro PAN, che rivelerà in modo narrativo e magico gli spazi del teatro agli allievi delle scuole e che sarà sotto il cappello di LAC Edu. Anche i più giovani potranno così scoprire la nuova casa della cultura attraverso un’esperienza teatrale unica, che resterà in repertorio e verrà replicata durante l’arco dell’anno.

Alle ore 18:00 il pubblico avrà la straordinaria occasione di scoprire il LAC con “The Walk”: uno spettacolo audioitinerante per le sale e i dintorni del centro culturale, creato dal duo di artisti Cuocolo-Bosetti, conosciuti e premiati per le loro creazioni di esperienza urbana in cui teatro e vita, realtà e fi nzione, attore e personaggio si sovrappongono.

Red./Comunicato