Procedura penale a carico della BSI

Secondo Ticino on line, molti dei soldi occultati da Lolli sono passati dalla BSI e dalla Arner Bank di Lugano
Una delle sedi di BSI a Lugano (BSI)

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha aperto una procedura penale nei confronti della banca BSI SA. Elemento rilevati in relazione allo scandalo finanziario legato al fondo sovrano della Malesia 1MDB permettono di sospettare, secondo il Ministero pubblico, che le infrazioni di riciclaggio (art. 305bis CP) e di corruzione di pubblici ufficiali stranieri (art. 322septies), attualmente sotto inchiesta nell’ambito dell’affare 1MDB, avrebbero potuto essere impediti con un’organizzazione adeguata da parte di BSI SA.

La decisione d’apertura si basa sugli elementi rilevati dalla procedura penale nonché su quelli contenuti nella decisione della FINMA – l’autorità di vigilanza sul settore finanziario svizzero – del 23 maggio 2016. Il MPC sospetta l’esistenza di carenze nel funzionamento dell’organizzazione interna presso la banca BSI SA. Per questa ragione la banca non sarebbe stata in grado d’impedire la commissione delle infrazioni, attualmente sotto inchiesta.

Il diritto svizzero (art. 102 cpv. 2 del Codice penale svizzero, CP) permette di perseguire penalmente un’impresa, se è sospettato che essa non abbia preso tutte le misure organizzative ragionevoli e indispensabili per impedire la commissione dell’infrazione da parte di terzi, segnatamente di riciclaggio di denaro o di corruzione.

Ordinato lo scioglimento della banca

Dal canton suo la FINMA ha appurato che nel caso del fondo 1MDB, la banca ha effettuato, nell’arco di diversi anni, molteplici transazioni considerevoli finalizzate a scopi non trasparenti e, nonostante i sospetti manifesti, non ne ha accertato i retroscena. Oltre ad altri provvedimenti adottati, la FINMA confisca un importo di CHF 95 milioni. La FINMA avvia procedimenti di enforcement nei confronti di due ex funzionari della banca responsabili.

Inoltre, la FINMA comunica di approvare l’integrale acquisizione di BSI da parte di EFG International, alla condizione che BSI venga completamente integrata e successivamente sciolta. Tale acquisizione va considerata positivamente, poiché offre alla clientela e al personale una prospettiva futura.

Red./Comunicato